A soli 4 mesi dall’intervento di protesi d’anca, il tennista Andy Murray ha annunciato che tornerá in campo. Lo vedremo giocare un doppio in occasione del Queen’s, che si terrá a partire dal 17 giugno.

Andy Murray torna già in campo. Sono passati solamente 4 mesi dall’intervento di protesi di rivestimento femorale a cui il tennista si era sottoposto a fine gennaio per curare l’artrosi d’anca, che un precedente intervento di artroscopia non era riuscito a risolvere. A quel punto, il proseguimento della sua carriera sportiva era stato messo seriamente in dubbio. «Grazie alla protesi di rivestimento che conserva le ossa dell’articolazione, rivestendo la parte malata – spiega il dottor Pierantonio Gardelin, ortopedico – il recupero di Murray è stato rapido e ottimale, come accade anche per sportivi professionisti o amatoriali con problemi di artrosi e che vengono operati con questo tipo di protesi».

Il tennista ha annunciato che tornerà in campo tra due settimane. Lo si potrà vedere giocare un doppio, insieme allo spagnolo Feliciano López, al Queen’s, il tradizionale torneo preparatorio di Wimbledon. Sará la prima partita ufficiale che il campione scozzese affronterá dopo l’intervento. Una partita che dará l’inizio alla ripresa della sua carriera sportiva e che rappresenterá una motivazione ulteriore per continuare a migliorare le tecniche chirurgiche per garantire a tutti gli sportivi, campioni mondiali e non, la possibilitá di non abbandonare la propria passione.

Ma quali sono i vantaggi della protesi di rivestimento femorale per gli sportivi? Lo spiego in questo articolo

 

 Il dottor Gardelin visita a Milano, Monza, Saronno, Taranto e Bari >>

Photo: www.metro.co.uk